Dove buttare una torcia rotta? Consigli, guida allo smaltimento del rifiuto

La tua torcia elettrica si è rotta e non hai le idee chiare su come fare per smaltirla? Potresti leggere questa breve guida che ti chiarirà cosa fare con la tua torcia, ma anche con tutte le attrezzature di tipo elettronico.

Cosa sono i RAEE

I rifiuti elettronici sono rifiuti particolari, poiché hanno bisogno di essere smaltiti seguendo una procedura diversa rispetto agli altri rifiuti. Sono denominati con l’acronimo RAEE, e i principali problemi derivanti da questo tipo di rifiuti sono la presenza di sostanze tossiche per l’ambiente e la non biodegradabilità di tali apparecchi.

Lo smaltimento di questi prodotti segue una procedura particolare, che include il recupero differenziato dei materiali di cui sono composti, come l’acciaio, l’alluminio, il vetro, evitando così uno spreco di risorse che possono essere riutilizzate per costruire nuovi prodotti. La procedura di recupero viene eseguita in modo da eliminare le parti pericolose per la salute o per l’ambiente, e in modo da recupero tutte le parti riutilizzabili.

Quali sono i rifiuti RAEE?

La raccolta è prevista, e organizzata in base ai seguenti gruppi di prodotti, ciascuno identificato con un apposito codice:

  • R1 (freddo e clima, per esempio frigoriferi, congelatori, etc.);
  • R2 (grandi elettrodomestici, come lavatrici, lavastoviglie, forni a microonde, etc.);
  • R3 (tv e monitor, come schermi a tubi catodici, a Led, al plasma, etc.);
  • R4 (apparecchiature per l’illuminazione e tutte quelle al di fuori degli altri raggruppamenti, per esempio aspirapolvere, ferro da stiro, frullatore, stampante, telefoni, etc.);
  • R5 (lampade che contengono gas, tubi al neon, lampade a risparmio energetico, etc.).

Si tratta di cinque raggruppamenti che includono diversi apparecchi elettrici, distinti per categoria. Le torce appartengono, evidentemente, al gruppo R4.

Cosa fare con una torcia rotta?

Se vuoi liberarti della tua torcia rotta, hai diverse alternative tra cui scegliere:

  • nel caso tu decidessi di comprare una nuova torcia, puoi recarti in un negozio specializzato e il negoziante è obbligato, come dice la normativa, a ritirare gratuitamente il prodotto di cui vuoi disfarti;
  • nel caso in cui tu non voglia acquistare una nuova torcia e, ad eccezione che quella che vuoi buttare ha una lunghezza inferiore ai 25 cm, puoi fare il cosiddetto scambio uno contro zero: ovvero lasci al negoziante la torcia rotta, senza comprare nulla. Questo sistema, però, vale solo per i negozi che hanno una superficie di almeno 400 mq;
  • puoi portare la torcia rotta in un centro di raccolta comunale, dove ti verrà indicato dove collocarla.

Sono appassionata di lettura e scrittura e mi piace scrivere e documentarmi su qualsiasi argomento. In particolare, i viaggi, la cucina, e la tecnologia.

Back to top
Scelta Torce